la dimensione del soggetto: tipi di inquadratura (campo lungo)

Un’inquadratura in campo lungo comprende tutto il campo d’azione e serve per inquadrare la posizione dei soggetti (attori, per esempio) in un determinato contesto. E’ molto utile alternare per esempio un’inquadratura stretta ad un’inquadratura in campo lungo. Quest’ultimo serve a dare aria e spazio quando si riprendono contesti più ristretti. Per esempio, se inquadriamo le stanze di una casa, sarebbe bene inquadrare prima o dopo la casa in campo lungo, per avere un’idea del contesto generale e per far “respirare” lo spettatore.

I tipi di inquadratura diventano in qualche modo una “regola” del linguaggio filmico che ogni filmaker dovrebbe conoscere. E’ chiaro che poi ognuno può interpretarli a modo suo, uscendo da certi schemi che il mercato del grande cinema impone. Quando si crea un film, corto o lungo che sia, si decide a priori cosa se ne vuole fare e come lo si vuole vendere! Chi è alle prime armi può azzardare a fare tutto anzi, deve, senza preoccuparsi di nulla, solo di cercare di imparare e sperimentare!

About these ads

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.